Fiori di zucca gratinati con contorno di carote

fioridizucca

Ieri sera è stata una serata particolare, mi sentivo ispirata dalle verdure che avevo in frigo e ho cercato di elaborare qualcosa di speciale. Il risultato è stato davvero interessante. Complici dei fiori di zucca e delle carote che aspettavano una fine gloriosa e devo dire di averli accontentati. Questo piatto è assolutamente vegetariano e gustosissimo, ma anche semplice da realizzare. La prima cosa che ho fatto, è stata preparare le carote lessandole in acqua bollente e salata. Poi mi sono occupata dei fiori di zucca.

Carote bollite

Sei carote di media grandezza

una manciata di sale grosso

acqua

olio

qualche fogliolina di prezzemolo

Procedimento

Fate bollire l’acqua e nel frattempo sbucciate e tagliate a rondelle le carote. Quando l’acqua sarà a giusta temperatura, aggiungete le carote e il sale. Lasciate cuocere finché la forchetta non affonderà nella carota, in media quindici minuti vanno bene altrimenti le carote diventano molli e immangiabili.

Scolate le carote, poi spostatele in  un piatto da portata e condite con olio, se volete potete aggiungere un altro pizzico di sale fino e qualche fogliolina di prezzemolo. Lasciatele raffreddare in inverno o mettetele in frigo se è estate.

Ora occupiamoci dei fiori di zucca. Avevo una vaschetta di misure standard e le porzioni sono andate bene per due persone mangione e golose.

Ingredienti

Una vaschetta di fiori di zucca

pecorino pugliese

due uova

pangrattato quanto basta

Procedimento

Lavate bene i fiori e togliete il pistillo. Scolateli e nel frattempo tagliate a pezzetti il pecorino, fate dei cubetti che dovranno entrare nel fiore e per ciascuno ce ne dovrebbero andare almeno due. Ora riempite ciascun fiore con il formaggio. Preparate due contenitori: in uno ci metterete le uova sbattute e nell’altro il pangrattato. Ora procedete con l’impanatura: passate ciascun fiore ripieno prima nell’uovo e poi nel pangrattato. Poi adagiateli in una teglia da forno, io ne avevo una di vetro, e lasciate cuocere in forno per venticinque minuti a 160° così che si ammorbidisca bene la zucchina attaccata al fiore e si sciolga il formaggio al suo interno.

Passato questo tempo, sfornate e lasciate intiepidire i fiori, serviteli poi con il contorno di carote bollite. Se volete potete accompagnarli con della maionese, sono ancora più gustosi!

Sfoglia con coste, pecorino e salame piccante

sfoglia_coste_salame_pecorino

Quando mi capita di star fuori tutta la giornata, il mio pensiero va ovviamente a cosa mangiare per cena. Per me è il momento più bello perché rivedo mio marito e quindi si riunisce la famiglia, ed è importante star bene soprattutto se a lavoro non è andata un granché.

Dato che spesso sto fuori tutto il giorno e che non posso prevedere come andrà la giornata, ho sempre nel freezer un rotolo di pasta sfoglia di scorta. Qui a Milano se ne trovano quasi solo in forma rotonda, non chiedetemi perché dal momento che a Foggia ne ho sempre viste di rettangolari, quadrate, integrali o di farina bianca e non dipendeva dal trovarmi in un megasupermercato o in un semplice negozietto di quartiere, c’erano e ci sono, punto e basta. A parte questo, faccio così: tiro il rotolo di sfoglia fuori dal congelatore appena rientro, perché bastano dieci minuti per far togliere alla pasta il gelo e lavorarla.

In questa foto vi presento una delle sfoglie che io preferisco perché c’è il pecorino pugliese (che nelle mie ricette salate non manca quasi mai, la scusa è per l’intolleranza al lattosio, ma io ne vado proprio ghiotta!) e le bietole a coste. Il salame dà quel “quid” che non deve mai mancare se la giornata è andata proprio male, oppure se avete degli avanzi di salumi nel frigo che nessuno in casa vostra mangerà mai più. Passiamo alla ricetta!

Ingredienti

Un rotolo di pasta sfoglia

due cespi di bietole da coste

quattro fette di salame (o di altro affettato)

200gr di pecorino a cubetti

due uova

sale e pepe

Procedimento

Lessate le bietole per quindici minuti in acqua salata e bollente, dopodiché scolatele e lasciatele raffreddare. Aprite il rotolo di pasta e disponetelo insieme alla carta che lo avvolge, in una teglia da forno lasciando fuoriuscire la pasta dal bordo in modo che una volta riempita la sfoglia, possiate richiuderla e formare la cornicetta di chiusura della sfoglia.

Sbattete le uova con sale e pepe e tenete da parte. Adesso prendete le coste e distribuitele sulla pasta stesa nella teglia, poi aggiungete il salame e il pecorino a cubetti. Su tutto versate le uova sbattute e richiudete i bordi della sfoglia. Potreste anche grattugiare altro pecorino sulla sfoglia ripiena prima di cuocere, come volete, il risultato sarà ottimo anche se non lo aggiungete, dal momento che c’è già dentro. Potete infornare per 40 minuti a 160°. Quando sarà pronta, lasciatela intiepidire e servite.